Come contestare i movimenti della carta di credito risultanti dall’estratto conto

I titolari di carta di credito spesso si accorgono di anomalie nell’elencazione dei movimenti risultanti dall’estratto conto della propria carta di credito. Queste possono essere dovute a errori tecnici o a transazioni fraudolente.La procedura dei circuiti internazionali di carte di pagamento che gestisce le contestazioni dei possessori di carte di credito prende il nome di “chargeback”.Perché il chargeback prenda il via occorre una segnalazione del titolare che:- non riconosce uno o più movimenti presenti nell’estratto conto;- non riceve la merce acquistata con la propria carta di credito;- riceve merce non conforme alla descrizione, difettosa, etc.

Classifica delle migliori carte

Un utile classifica per aiutare a scegliere la carta di credito

Quindi, occorre inviare una raccomandata entro 60 giorni dal ricevimento dell’estratto conto, con copia fronte-retro della carta di credito.In caso di frode, occorre anche allegare una denuncia contro ignoti alle autorità competenti.Una volta che avete segnalato il furto, la contraffazione o lo smarrimento, sarete sollevati da ogni responsabilità per eventuale utilizzo illecito della carta da parte di terzi. Naturalmente, dobbiamo ricordarci di telefonare con tempestività all’apposito numero verde indicato sulla documentazione che accompagnava la consegna della carta.Come previsto dalla Raccomandazione della Commissione europea del 30 luglio 1997 relativa alle “operazioni mediante strumenti di pagamento elettronici, con particolare riferimento alle relazioni tra gli emittenti ed i titolari di tali strumenti, fino al momento della comunicazione, il titolare si accolla le spese fatte con la carta fino ad un massimo di 150 euro, salvi i casi di comportamento fraudolento, dolo o colpa grave del titolare stesso o la mancata osservazione degli obblighi di massima cautela, di custodia e del buon uso della carta.Si dovrà superare qualche disagio e perdere parecchio tempo (le pratiche di rimborso durano, quando va bene, 15-20 giorni). Ricordate che le banche, per prassi, agevolano la clientela non addebitando nulla in caso di sconfinamento sul conto corrente o per la sostituzione della carta.

Saremmo felici di avere la tua opinione

Lascia un tuo commento